XL: ad ogni notizia la giusta misura

Chissà quante volte vi sarà capitato. Tornare da scuola, pranzare e mettersi sul divano, in soggiorno. È il momento più rilassante della giornata: dopo le lunghe cinque (o più) ore di lezione, finalmente si torna a casa e, prima di ricominciare a maneggiare i testi scolastici per svolgere i compiti pomeridiani, ci si stende sul divano e distrattamente si guarda la TV.
La TV sta trasmettendo un telefilm che parla di scuola. Quelle incredibili scuole americane, con le cheerleaders, i giocatori di football, il ballo di fine anno, gli armadietti nei corridoi e in mezzo al fiume di studenti ciondolanti ne vedi arrivare sempre uno che si guarda attorno, con la matita sull’orecchio, la macchina fotografica al collo e un taccuino in mano.
Lui sa essere dappertutto; qualsiasi cosa stia accadendo a scuola, lui è lì, con la sua curiosità, che a tratti sfocia in invadenza, pronto a fotografare e a riportare tutto sul suo block notes.
È il reporter del giornalino scolastico.
È quello il momento in cui pensi: “va bene, non potremo avere le cheerleaders, i quarterback, i balli di fine anno, ma un giornale? Perché no?”Old typewriter with laptop, concept of technology progress
Ed è per questo motivo che, quando abbiamo scoperto che la nostra scuola avrebbe avviato un progetto di giornale scolastico, abbiamo scelto di metterci in gioco: abbiamo messo le nostre matite sull’orecchio, gli smartphone nelle tasche e ci siamo rimboccati le maniche.
Ci siamo riuniti, per caso o per fortuna, nel laboratorio multimediale del nostro liceo e ci siamo chiesti cosa avremmo voluto raccontare e in che modo avremmo voluto farlo.
Noi vogliamo raccontar-vi. Anzi, raccontar-ci, perché anche noi siamo parte del Liceo Leonardo.
Vi vogliamo raccontare la vita dell’Istituto, dalla semplice quotidianità agli eventi più importanti, vi vogliamo raccontare come cambia il mondo della scuola e come potrebbe cambiare, vi vogliamo raccontare quello che accade attorno a noi adolescenti, nei nostri paesi e nella nostra penisola.
Ci vogliamo raccontare attraverso quello che passa nelle nostre cuffie, attraverso le storie che ci fanno ridere o piangere, pensare o non pensare, quelle che ci fanno rimanere con gli occhi aperti e quelle che ce li fanno chiudere dalla paura, quelle che ci lasciano senza parole e quelle che ci costringono a scrivere.
Vogliamo raccontare tutto questo perché noi siamo tutto questo.
Noi siamo parte di una storia già iniziata quasi trent’anni fa con il primo giornalino scolastico del liceo che si chiamava “X” e ne abbiamo voluto mantenere traccia nel nuovo nome, ma con la consapevolezza di farlo con volti nuovi, pensieri diversi ed in un contesto più moderno. A quella “X” abbiamo aggiunto qualcosa in più, abbiamo scelto di inserire una lettera, che non è solo indicazione di una identità, ma è anche il segno del tempo che passa e che segna già il XL anniversario della fondazione del nostro liceo.
In questi quarant’anni l’anima del liceo sono stati gli studenti, così come l’anima di un giornale sono i suoi lettori: senza di voi non saremmo nulla. La vostra partecipazione è importante, anzi fondamentale.
Benvenuti in “XL”: ad ogni notizia la giusta misura.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: